Incontri piccanti e serate trasgressive, spieghiamo il boom di questa tendenza

incontri-piccanti-serate-trasgressive

Il piacere si è digitalizzato. Dagli incontri piccanti alle serate trasgressive, questo fenomeno è diventato sempre più diffuso. Cos’è successo? Perché gli italiani ricercano sempre di più la possibilità di avere dei rapporti occasionali con altre persone? Fino a qualche decennio fa, la famiglia italiana si fondava su basi solide, come il rispetto, la lealtà e la fiducia. Eravamo tra i popoli meno inclini al tradimento. Le statistiche europee ci parlano di un netto cambiamento: al giorno d’oggi, il tradimento è in piena crescita, un boom quasi inarrestabile.

Sebbene si possa credere che il principale mezzo per cui si stanno verificando questi trend sia internet, in realtà non bisogna sottovalutare la recente Pandemia di Covid-19. Gli incontri extraconiugali sono stati sdoganati grazie al dating online in Italia: il brivido dell’avventura, del rischio e della possibilità di fare una esperienza nuova, che possa in qualche modo risanare eventuali malinconie o tristezze. Grazie ad alcune piattaforme, poi, è possibile recarsi su Escort al Top per ricercare una escort a Milano.

Incontri piccanti e serate trasgressive: nuova tendenza o consolidamento?

Quando parliamo di incontri piccanti e serate trasgressive, è indubbio che il trend sia cambiato rispetto a qualche anno fa. O forse dovremmo dire che si è consolidato. Cos’ha rappresentato uno stacco importante, un punto di rottura? Nella società attuale c’è sempre di più il desiderio di modificare le proprie abitudini, di sentirsi in qualche modo più liberi. E non c’è niente di male a riguardo. Per tanti, troppi anni, abbiamo permesso ai tabù di avere la meglio.

In qualche modo si desidera rompere delle tradizioni, ma soprattutto ampliare i propri orizzonti. Non è un caso, infatti, se anche determinate pratiche si sono diffuse tra fidanzati o in coppie di lunga data. Questo boom non è nuovo: o quantomeno, non è qualcosa che non si è mai fatto prima. Semplicemente c’era più paura di essere giudicati o additati come persone poco perbene, e per questo motivo la sessualità non veniva vissuta alla luce del sole.

Il piacere è digitale (ma non solo)

L’avvento del web e di internet in generale ha modificato alcune delle nostre abitudini. Ci ha permesso di fare acquisti online, di trovare nuovi lavori (o di inventarne altri). Ci ha però dato anche una spinta importante: ha connesso tutto il globo. Gli utenti online sono affascinati da questo mondo misterioso in cui, protetti da uno schermo, si può conversare amabilmente con qualcun altro. Tanto da giungere a incontrarlo per una serata molto piccante.

Tutti ormai conoscono il termine sexting, che è entrato nel linguaggio comune. Dato dall’unione dei termini sex e texting, è un modo per rimanere in contatto con l’altro, ma senza filtri. Vuol dire che ci si scambiano delle foto e dei video, fino a quando non si sceglie di incontrarsi di presenza e di portare il rapporto a uno stop successivo. Inoltre, il legame tra sesso e social network è più forte che mai al momento: dal sexting alle videochiamate, è possibile trascorrere degli attimi piacevoli in compagnia di una sconosciuta.

La Pandemia di Covid-19, una componente da non sottovalutare

Dopo essere stati chiusi in casa a lungo, sempre più persone hanno scelto di lasciarsi andare. La sessualità ai tempi del Covid avrebbe potuto in effetti cambiare qualcosa in negativo: invece, ha avuto l’effetto opposto. Non poter abbracciare qualcuno, avvicinarsi, stare insieme, ha portato a un forte desiderio di lanciarsi in un’avventura emozionante. Le statistiche parlano chiaramente: sempre meno persone scelgono di sposarsi, preferendo la convivenza e puntando su rapporti poliamorosi, così da avere la possibilità di vivere la sfera intima senza alcun impedimento e in modo sincero e trasparente.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *